Buone pratiche per limitare e compensare il consumo di suolo

Il manualetto del buon urban planner, ma anche del cittadino attento. Buona lettura.

Annunci

I suoli in città

Il problema del consumo di suolo è di nuovo all’attenzione dell’Europa.. Qui di seguito una guida interessante sulla gestione dei suoli urbani. Contiene diversi link utili a recenti documenti sulle politiche UE.. segnalo tra queste la “Roadmap to a Resource Efficient Europe” [COM (2011) 571], dov’è contenuto l’obiettivo di azzerare il consumo di suolo netto in Europa entro il 2050.

Note sulle recenti iniziative e proposte sul risparmio del suolo

Tra i mesi di ottobre 2011 e di gennaio 2012 il dibattito italiano sui temi del consumo di suolo e della tutela del paesaggio ha avuto un impulso notevole: sono state avviate interessanti iniziative di sensibilizzazione e sono state messe a disposizione del pubblico nuove indagini sul consumo di suolo. Un passo in avanti per riconoscere la risorsa suolo come bene comune da tutelare.

 di Fabio Cremascoli

Il 29 ottobre 2011, a Cassinetta di Lugagnano, in provincia di Milano, primo comune italiano che si è dotato di uno strumento urbanistico a crescita zero, si è tenuta la prima assemblea nazionale del Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio (1), un aggregato di associazioni e cittadini di tutta Italia (impostato sul modello del Forum per l’acqua pubblica), che intendono perseguire un unico obiettivo: salvare il paesaggio e il territorio italiano dalla cementificazione.I progetti di breve e medio periodo del Forum sono ambiziosi. Da una parte s’intende effettuare un censimento degli edifici sfitti, vuoti o sottoutilizzati, nonché delle superfici edificabili residue dei piani urbanistici vigenti e quelle previste da eventuali piani adottati di tutti i comuni italiani, con lo scopo di  sensibilizzare gli enti di governo del territorio sul tema del consumo di suolo, per proporre una moratoria sulle nuove urbanizzazioni finché non venga reso efficiente il patrimonio edilizio esistente. Il forum sarà poi attivo nella formulazione di una proposta di legge nazionale di iniziativa popolare sul “risparmio del suolo” e di una capillare campagna di informazione e comunicazione che sarà implementata da comitati locali in via di costituzione in ogni località italiana.Continua a leggere…